Tag Archives: sea

24/11/2012 by Sumana Halder

There are no special meanings “hidden” to be found in the photo by Sumana Halder, and certainly not necessary, because the image is beautiful to her: there is the tenderness of the three children who observe the water and the boat, there are the tones warm who transmit serenity, but above all there is a perfect composition. Despite the unusual cut, since all subjects in the image (including the boat) are “placed” in an order designed to give great harmony. (rewiew by Carlo Traina)
(Non ci sono significati particolari “nascosti” che si trova nella foto di Sumana Halder, e certamente non è necessario, perché l’immagine è bella di lei: c’è la tenerezza dei tre bambini che osservano l’acqua e la barca, ci sono i toni caldi che trasmettono serenità, ma soprattutto vi è una composizione perfetta. Nonostante il taglio insolito, dal momento che tutti i soggetti nell’immagine (compresa la barca) sono “collocati” in un ordine studiato per dare grande armonia.

27/10/2012 by Gabi Ben Avraham

Thanks to the low viewpoint and the use of wide-angle, Gabi Ben Avraham has framed both foreground subjects that many people walking, while, with the choice of strong tones and bright colors, wanted to bring out the beautiful sunny day.
The atmosphere that “breathes” looking at the picture is that of relaxation and entertainment. To represent this, there are the woman lying in the foreground, the girl with a summer clothing, couples strolling hand in hand, the children playing.
Missing, but only because it framed, the sea, though its presence is perceived and imagined beyond the balustrade.
A picture in which – although there are some key players – it’s the “choral” to give strength and depth to the scene.
Grazie al punto di vista basso e all’uso del grandangolo, Gabi Ben Avraham ha inquadrato sia i soggetti in primo piano che le tante persone a passeggio, mentre, con la scelta dei toni forti e dei colori accesi, ha voluto far risaltare la bella giornata di sole.
L’atmosfera che si “respira” guardando la foto è quella del relax e dell’intrattenimento. A rappresentare tutto ciò ci sono la donna sdraiata in primo piano, la ragazza con un abbigliamento estivo, le coppie che passeggiano mano nella mano, i bambini che giocano.
Manca, ma soltanto perché non inquadrato, il mare, anche se la sua presenza si percepisce e si immagina al di là della balaustra.
sea, relax, street photographyUna foto in cui – sebbene ci siano alcuni soggetti principali – è l’aspetto “corale” a dare forza e spessore alla scena.(rewiew by Carlo Traina)

23/10/2012 by Gerard Dubois

Early morning on the beach, Nice, France.
It ‘s the composition to drive, in this photo, our feelings, with the sea in the background common to the three key players: the man in the foreground, the man on the shore, the men in the boat (probably fishermen) in distance into the sea.
The man in the foreground is focused on the mobile phone and is clearly disinterested – from the emotional point of view – the view in front of him. The man on the shore, however, is more involved, it is in contemplation, and brings to mind some lines of the poem “Man and the Sea” by Charles Baudelaire: “The sea is your mirror, contemplate your soul … ‘
The men in the boat are “inside” the sea, live in a more intense way that you can.
Three subjects and three different ways to interact with the sea and with its suggestions.
E’ la composizione a guidare, in questa foto, le nostre sensazioni, con il mare a fare da sfondo comune ai tre soggetti essenziali: l’uomo in primo piano, l’uomo sulla riva, gli uomini in barca (verosimilmente pescatori) in lontananza nel mare.
L’uomo in primo piano è concentrato sul telefonino e appare chiaramente disinteressato – dal punto di visto emotivo – al panorama che ha davanti. L’uomo sulla riva, invece, è più coinvolto, è in contemplazione, e fa venire in mente alcuni versi della poesia “L’uomo e il mare” di Charles Baudelaire: “Il mare è il tuo specchio; contempli la tua anima …”
Gli uomini nella barca sono invece “dentro” il mare, lo vivono nella maniera più intensa che sia possibile.
Tre soggetti e tre differenti modi di interagire con il mare e con le sue suggestioni.(rewiew by Carlo Traina)

02/10/2012 by Enzo Truppo

L’uomo della foto sembra trascurare che, mentre lui sta passeggiando, avviene l’eterno evento del tramonto. Non guarda il sole, lo ignora, immerso com’è nel suo cammino e – sicuramente – nei suoi pensieri.                   Eppure, probabilmente, egli ha scelto proprio quel momento, proprio quel luogo (il mare, il suo rumore)                                   per restare solo con se stesso e con le sue riflessioni.
La posizione del soggetto verso la fine del fotogramma va contro le “regole” classiche della composizione (dare “spazio” davanti a un soggetto che si muove), ma è così perché emblematica: indica una strada percorsa.
La bellezza della foto sta innanzi tutto nella sua simbologia, e la scelta del B/N è funzionale a tutto ciò: con i colori caldi del tramonto, l’osservatore sarebbe stato attirato più dal fattore cromatico che da quello rappresentativo. (recensione a cura di Carlo Traina)