Category Archives: street photography

11/10/2012 by Fred Trobrillant

A little game with the prospect, and the woman with the bag becomes part of the large poster behind her, merges and enters the frame. Huge eyes staring at her and try to learn their thoughts, or maybe her thoughts that materialize in the face “silent”.

In the photo of Fred Trobrillant are the eternal connection between real life and virtual represented in large posters that fill our cities.

09/10/2012 by Michael Ken

Comparing Notes : From Master to Newbie Jakarta Indonesia
In the middle of the degradation of a street in Jakarta stand the three carts parked neatly one after the other, with their load “differentiated” (boxes, bags, …). The pastel colors of the carts, the shutters, the insignia, they create an environment that probably goes on living a life in black and white. (rewiew by Carlo Traina)

08/10/2012 by Alexandru Chițu

But who is more “human” in this photo? The driver or three dogs that clearly interact with each other? If anyone still has doubts on the intelligence and sensitivity of the animals, seeing this shot can not change his mind! A dog that side and two on that … “greet” standing still motionless on the road, how could be – between “human beings” – in any train station.

07/10/2012 by Yael Gadot

To survive, people do anything, like crush cans to sell as metal.
We are used to seeing, even in the richest cities of the western world, people who rummage in garbage bins to find objects to recover and resell, but this scene taken in Cuba has its own originality: the object was “invented” by the boy to crush cans (and then store it more easily), and especially his work, with children and other people who observe it without help, as if the activity had need special experience … and expertise. Effective choice of wide angle to include in the frame the many elements of the scene.(rewiew by Carlo Traina)

05/10/2012 by Luigi Sannino

Sciuscià from New York….
“Povertà organizzata” … una volta gli “Sciuscià” si incontravano soprattutto per strada (e in molte città del mondo è ancora così), qui Luigi Sannino ci mostra un angolo di New York dove è possibile farsi pulire le scarpe al coperto, su comode poltrone. L’immagine che ne esce è quella di una attività organizzata, con le scarpe sul ripiano, la gente in fila, i clienti che sembrano appartenere alle più diverse classi sociali. Ma poi c’è il volto in primo piano che – sebbene fuori fuoco – ci riporta alla realtà e ci sottolinea come sia sempre la povertà a spingere gli “Sciuscià” a questo tipo di lavoro.

04/10/2012 by Gabi Ben Avraham

In early 900 the Statue of Liberty was the first image of ‘”America” that appeared to emigrants in search of fortune overseas. There are countless pictures in black and white, creased and faded, taken in those early years. Photos showing figures humble and tired faces on ships, with on the background the Statue of Liberty.
Looking at the photo of Gabi Ben, you can not avoid having to remember those pictures, and note the extreme contrast between them. Strong colors and net, cameras instead of cardboard suitcases, cured and tanned bodies.
In practice: a century synthesized a single click! (rewiew by Carlo Traina)

03/10/2012 by Maurizio Sciuccati (Sig Cisco)

Il racconto di un viaggio. Donne con abiti colorati strette tra i sedili di un autobus guardano il paesaggio avvolte ognuna nei propri pensieri. La capacità dell’autore di raccontare attraverso il suo obiettivo /occhi con semplicità e precisione il mondo delle donne fatto di gesti e sguardi. L’autobus 54 con le loro mani appese percorre la sua strada . Noi non sapremo mai cosa attrae l’attenzione delle due donne.(recensione a cura di Roberta Pastore)

02/10/2012 by Enzo Truppo

L’uomo della foto sembra trascurare che, mentre lui sta passeggiando, avviene l’eterno evento del tramonto. Non guarda il sole, lo ignora, immerso com’è nel suo cammino e – sicuramente – nei suoi pensieri.                   Eppure, probabilmente, egli ha scelto proprio quel momento, proprio quel luogo (il mare, il suo rumore)                                   per restare solo con se stesso e con le sue riflessioni.
La posizione del soggetto verso la fine del fotogramma va contro le “regole” classiche della composizione (dare “spazio” davanti a un soggetto che si muove), ma è così perché emblematica: indica una strada percorsa.
La bellezza della foto sta innanzi tutto nella sua simbologia, e la scelta del B/N è funzionale a tutto ciò: con i colori caldi del tramonto, l’osservatore sarebbe stato attirato più dal fattore cromatico che da quello rappresentativo. (recensione a cura di Carlo Traina)