All posts by Admin

04/10/2012 by Gabi Ben Avraham

In early 900 the Statue of Liberty was the first image of ‘”America” that appeared to emigrants in search of fortune overseas. There are countless pictures in black and white, creased and faded, taken in those early years. Photos showing figures humble and tired faces on ships, with on the background the Statue of Liberty.
Looking at the photo of Gabi Ben, you can not avoid having to remember those pictures, and note the extreme contrast between them. Strong colors and net, cameras instead of cardboard suitcases, cured and tanned bodies.
In practice: a century synthesized a single click! (rewiew by Carlo Traina)

03/10/2012 by Maurizio Sciuccati (Sig Cisco)

Il racconto di un viaggio. Donne con abiti colorati strette tra i sedili di un autobus guardano il paesaggio avvolte ognuna nei propri pensieri. La capacità dell’autore di raccontare attraverso il suo obiettivo /occhi con semplicità e precisione il mondo delle donne fatto di gesti e sguardi. L’autobus 54 con le loro mani appese percorre la sua strada . Noi non sapremo mai cosa attrae l’attenzione delle due donne.(recensione a cura di Roberta Pastore)

02/10/2012 by Enzo Truppo

L’uomo della foto sembra trascurare che, mentre lui sta passeggiando, avviene l’eterno evento del tramonto. Non guarda il sole, lo ignora, immerso com’è nel suo cammino e – sicuramente – nei suoi pensieri.                   Eppure, probabilmente, egli ha scelto proprio quel momento, proprio quel luogo (il mare, il suo rumore)                                   per restare solo con se stesso e con le sue riflessioni.
La posizione del soggetto verso la fine del fotogramma va contro le “regole” classiche della composizione (dare “spazio” davanti a un soggetto che si muove), ma è così perché emblematica: indica una strada percorsa.
La bellezza della foto sta innanzi tutto nella sua simbologia, e la scelta del B/N è funzionale a tutto ciò: con i colori caldi del tramonto, l’osservatore sarebbe stato attirato più dal fattore cromatico che da quello rappresentativo. (recensione a cura di Carlo Traina)